Share on Facebook
 
 
 
Share on Twitter
 
 
 
Share on Google Plus
 
 
 
Share on Pinterest
 
 
 
 
 
Telecomando
 
 
 

Telecomando

 
 
 
IL TELECOMANDO NOVITÀ ASSOLUTA

E' possibile gestire tutti i parametri del Digital Ultra™ utilizzando un Telecomando collegato con cavo coassiale all'uscita REMOTE posta sul retro del flussimetro.

APRE UN NUOVO MONDO

Molti odontoiatri ormai "veterani" della sedazione cosciente con N 2O hanno salutato l'avvento del telecomando come una vera rivoluzione perché introduce un concetto nuovo, quello di "paziente attivo" protagonista della propria sedazione.

Sono concordi nel ritenere che la funzione telecomando offra importanti vantaggi:

Dal punto di vista del medico.

l telecomando potrà essere gestito dall'assistente permettendo di allontanare il Digital Ultra™ dal riunito, consentendo così una pianificazione ancora migliore della sala operativa. Il posizionamento a distanza dell'apparecchiatura libera il campo di azione del medico, al contempo rende "visibili" le scelte del paziente riportandole sul frontalino del Flussimetro Digitl Ultra TM.

Dal punto di vista del paziente

Una sorta di "autogestione", per alcuni pazienti abituati alla tecnica e particolarmente collaborativi: la possibilità quindi che il paziente possa, a sua scelta, regolare sia le sensazioni di ovattamento, che l'effetto antidolorifico, durante le varie fasi dell'intervento. Questa è la nuova "frontiera", che può rappresentare comunque un successivo grande vantaggio. L'operatore avrà in ogni caso il controllo della situazione, vedendo riportate le variazioni effettuate dal paziente, sul frontalino del Digital Ultra™, dando il polso se qualcosa non va e consentendo di tenere tutto sotto controllo con estrema facilità (senza far domande ecc.).

Sicurezza e controllo

Il telecomando non potrà in ogni caso scavalcare i blocchi automatici , come il minimo flusso di O2 (1/lt.min), la massima concentrazione di N2O (70%) né i blocchi eventualmente impostati dall'operatore , come la riduzione al 50%, della massima concentrazione di N2O, consigliata in caso di autogestione da parte del paziente.

Più sicurezza per tutti: se sono io a controllare il mio Base-Line mi sento più sicuro, non devo richiamare l'attenzione del medico in una situazione scomoda in particolare per i pazienti più ansiosi.